mercoledì 16 marzo 2016

L'amicizia non so cos'è ma cosa ti fa provare!

Ho imparato la tolleranza cominciando a fare 2 o 3 parole di meno quando posso e su 10 osservazione 5 le tengo per me, ridendo in faccia alla rabbia, perché penso che peggio di sopportare i difetti di una persona ci sia il non averla per niente. Se c'è una cosa che ho imparato con il rapporto con Lina è che l'amicizia è anche dire "nonostante sono incazzata ti voglio bene lo stesso": io e lei abbiamo litigato un paio di volte e ci sono voluti giorni o settimane per far pace, ma poi nonostante la rabbia, il nervoso, l'acredine, abbiamo entrambe voluto riavvicinarci perché conoscevamo il bene reciproco che ci univa ed io non volevo altro che fare pace con lei e basta. Tutte quelle sensazioni (il rancore, il ricordo dei malumori passati, ecc) nonostante ero ancora arrabbiata, le ho sorvolate, abbandonate, non me ne sono più fregata di niente, ho solo pensato a riparlarle, ed ora so che amicizia è anche questo: tornare a com'era prima di litigare, come se non fosse mai successo nulla. 
Strano come a volte per capire una cosa basta abbandonare le proprie convinzioni per un attimo. L'ultimo litigio mi ha fatto riflettere su molte cose, ad esempio come sarebbe bello poter rivedere persone con cui hai perso il rapporto . 
L'amicizia smette veramente o continuerai sempre a pensare ad alcune persone? 
Il tempo non può cambiare tutto, non può cancellare tutti i ricordi meravigliosi che ho con alcune vecchie amiche, nascerà sempre un sorriso ripensandoci.


Dagli sbagli si può imparare e da quell'ultima volta io e Lina non abbiamo più litigato, perché penso che questa sia una cosa che abbiamo capito entrambe.

Nessun commento:

Posta un commento