venerdì 7 ottobre 2016

Alcune massime

Chi distribuisce elargizioni lo faccia con semplicità.
Chi dirige lo faccia con sollecitudine.
Chi esercita la misericordia lo faccia con gioia.
L'amore è incompatibile con l'ipocrisia.
Amatevi cordialmente con l'amore dei fratelli, prevenitevi nella stima, siate solleciti e non pigri, ferventi nello spirito, servite il Signore, abbiate gioia nella speranza, siate costanti nelle avversità, assidui nella preghiera.
Praticate a gara l'ospitalità.
Invocate benedizioni su chi vi perseguita, benedizioni e non maledizioni.
Prendete parte alla gioia di chi gioisce, al pianto di chi piange.
Abbiate gli uni per gli altri gli stessi pensieri e sollecitudini.
Non aspirate a cose eccelse ma lasciatevi attraversare da cose umili.
Non siate saggi per voi stessi, non restituite a nessuno male per male.
Non vendicatevi, ma lasciate il posto all'ira divina,
Non lasciatevi vincere dal male, ma vincete il male con il bene.

martedì 14 giugno 2016

la ballerina

C’era una volta una ballerina che danzava e danzava.. danzava quando era felice, danzava quando era triste, danzava quando sembrava che il mondo stesse finendo e danzava quando doveva intraprendere un nuovo percorso ed una nuova sfida. Aveva trovato una parte delle sua essenza che la aiutava a liberare lo spirito dal peso delle giornate trasudando ansie e delusioni. Ad ogni passo, ad ogni piroetta era più leggera, i suoi occhi si chiudevano e le sue lacrime si asciugavano sulle guance lasciando spazio ai sogni e alle nuove speranze.  Se la vita fosse stata una danza non ci sarebbero più state incomprensioni, pressioni, malumori e dissapori, ma solo musica e passi e volteggiamenti sulle punte in uno spirale di tulle roseo. Le mani avrebbero accarezzato l’aria e le orecchie avrebbero udito solo note di piano e di violino. I temporali sarebbero diventati scenografia piacevole, mai paurosa, dietro magnifici passi di danza e salti immensi che sembrano voli di angeli. La vita non è la danza, ma la danza rappresenta la vita, come dovrebbe essere, come sarebbe bello che fosse.. la danza è passione e forza e volontà. Una penna che scrive su un foglio è una ballerina che cerca di trascendere le parole per esprimere al pieno le stesse cose, per colorare il bianco di nero con logica e passione…..

martedì 5 aprile 2016

le infinite volte che mento a me stessa!

Qualche volta capita che non tutto quello che ci succede sia entusiasmante, anzi sembra tutto monotono e fermo. I giorni, le ore, i minuti che scorrono sembrano rallentati e incerti. il sole che riscalda i prati, i fiori con il loro profumo inebriante, il tenue calore di aprile sul viso. In questi momenti di "riposo" fisico e mentale ripenso a quella volta che pensavo di poter essere "qualcuno di importante" o a quell'altra in cui immaginavo di poter "girare il mondo in mongolfiera". Quando sono fortemente delusa di qualcuno non faccio altro che pensarci, ma la cosa peggiore è  quando sono delusa di me stessa o non ho fiducia nelle mie facoltà, perché è allora che mi rifugio nei miei sogni, nei mie pensieri, nella vita parallela della mia anima. 
Durante il giorno passo molto tempo sulla mia scrivania a studiare, sopra ho un porta matite pieno di pastelli perché mi piace imbrattare i libri quando studio. Il mio colore preferito è azzurro, ma la maggior parte dei pastelli che ho sono verdi (verde chiaro, verde scuro, petrolio, verde smeraldo..). L'azzurro è un colore bellissimo, lo adoro, ma sui quaderni non si vede.. ed allora preferisco usare il verde! Ho come l'impressione che la vita o quello che faccio sia come il colore verde: un rimpiazzo molto efficace a quello che amo.
Sognare paradisi tropicali sotto la pioggia, sognare un amore quando si è soli, sognare di luoghi e di persone, sognare, sognare, sognare... E' un peccato che la nostra mente sia in grado di creare spazi tanto GRANDI, di prescindere le leggi del tempo (andare avanti e tornare indietro,  vivere un evento al contrario..), di farci rivedere e parlare con persone che non ci sono più; di far prendere forma ai colori e farli diventare paesaggi, mari, persone.. E' un peccato che la nostra mente sia in grado di farci vivere avventure un milione di volte più emozionanti della realtà, di trasportarci dall'altra parte del mondo in un millisecondo.. e che tutto questo debba rimanere chiuso in un cranio di ossa e carne. Forse è per questo che si dice che in ogni persona c'è un mondo, secondo me in ogni persona ci sono infiniti mondi, infiniti desideri, infinite volte che mentono a loro stesse..

mercoledì 16 marzo 2016

L'amicizia non so cos'è ma cosa ti fa provare!

Ho imparato la tolleranza cominciando a fare 2 o 3 parole di meno quando posso e su 10 osservazione 5 le tengo per me, ridendo in faccia alla rabbia, perché penso che peggio di sopportare i difetti di una persona ci sia il non averla per niente. Se c'è una cosa che ho imparato con il rapporto con Lina è che l'amicizia è anche dire "nonostante sono incazzata ti voglio bene lo stesso": io e lei abbiamo litigato un paio di volte e ci sono voluti giorni o settimane per far pace, ma poi nonostante la rabbia, il nervoso, l'acredine, abbiamo entrambe voluto riavvicinarci perché conoscevamo il bene reciproco che ci univa ed io non volevo altro che fare pace con lei e basta. Tutte quelle sensazioni (il rancore, il ricordo dei malumori passati, ecc) nonostante ero ancora arrabbiata, le ho sorvolate, abbandonate, non me ne sono più fregata di niente, ho solo pensato a riparlarle, ed ora so che amicizia è anche questo: tornare a com'era prima di litigare, come se non fosse mai successo nulla. 
Strano come a volte per capire una cosa basta abbandonare le proprie convinzioni per un attimo. L'ultimo litigio mi ha fatto riflettere su molte cose, ad esempio come sarebbe bello poter rivedere persone con cui hai perso il rapporto . 
L'amicizia smette veramente o continuerai sempre a pensare ad alcune persone? 
Il tempo non può cambiare tutto, non può cancellare tutti i ricordi meravigliosi che ho con alcune vecchie amiche, nascerà sempre un sorriso ripensandoci.


Dagli sbagli si può imparare e da quell'ultima volta io e Lina non abbiamo più litigato, perché penso che questa sia una cosa che abbiamo capito entrambe.