venerdì 1 marzo 2013

all you need is love?


“Sapete qual’è la cosa a cui si dedicano più canzoni? Esatto fratellini, l’amore. Bello, brutto, triste, allegro, forte, debole, sexy, casto, porno, violento, sognato, dimenticato, violato, antico moderno…FM107.3 radio caos. Love is all you need.”

Questa frase è presa da un film che anni fa faceva sognare adolescenti e mostrava allo stesso tempo il nuovo principe di cui si innamorano le ragazze: “il cattivo ragazzo”. Film basato su avvenimenti fantastici, metteva in risalto una cosa molto importante: come l’amore possa cambiare le persone.
Il protagonista, un rude bullo in moto. La protagonista una semplice studentessa della scuola cattolica. Conosciutisi per caso, si innamorano e danno vita ad un’intensa breve storia, di quelle che ti lasciano col fiato sospeso tutto il tempo, perché, per quanto possa essere contorta e sbagliata, è  anche vera ed innocente.
Dopo aver guardato un film romantico mi capita spesso di riflettere su me: so perfettamente che è solo finzione ma mi viene spontaneo farmi un resoconto di tutto quello che ho vissuto io o, se non mi è capitato, se esiste qualcuno che possa rendermi felice.

Ho conosciuto tante persone, fatto tante conoscenze, ma mi sono sempre affezionata dopo aver trascorso del tempo ed essere stata bene insieme a loro. Sono una persona molto istintiva e ho preso tutte le mie strade e basato le miei decisioni su sensazioni: io sapevo esattamente cosa fare, cosa volevo, dove andare perché sentivo che era la strada giusta.. non so come spiegarlo, la sensazione è la stessa di quando puoi tirare un respiro di sollievo perché sai di aver preso la decisione giusta. Tutto ciò adesso mi spaventa un po’ in quanto non ho mai avuto nessun “non so che” di speciale per qualcun altro; non è mai successo di incontrare qualcuno ed avere una reazione emotiva forte, né crampi allo stomaco, né la sensazione di toccare il cielo con un dito.. mai niente!


Così quando guardo quei film in cui l’amore sembra essere tutto, mi chiedo: l’amore è davvero tutto ciò di cui abbiamo bisogno?


Ho sentito tante volte parlare d’amore, ed ho sentito molte cavolate a riguardo. Quella che ultimamente mi sembra la più grave riguarda l’amore impossibile, tipo quello di Romeo e Giulietta o di Titanic, ecc. L’errore secondo me sta nel fatto che un conto è quando due persone si amano e non possono stare insieme per cause più grandi loro, un altro conto è quando una delle due persone semplicemente non vuole. Secondo me è sbagliato pensare, come molti fanno, che l’amore faccia soffrire: sono le altre persone che ci fanno soffrire e se lo fanno probabilmente è perché non ci amano. Ma io posso solo azzardare ipotesi, perché non so in realtà cosa esso sia. Ecco, io posso dire di amare un libro dopo averlo letto, e dire con ciò che si ama, quindi, dopo aver conosciuto intimamente qualcuno; ma alla stessa maniera posso dire di amare canzoni d’oltreoceano non conoscendone il significato.. quindi ogni cosa che dico potrebbe essere sbagliata! Cercare in giro, poi, non è d’aiuto visto che anche le frasi che si leggono in giro sull’amore sembrano contraddittorie. In ogni epoca, dal più ricco al più povero, dal filosofo al cantante, parlano di amore in maniera contraddittoria. Forse per rabbia, forse per solitudine o forse perché non sapevano esattamente neanche loro quello che volevano. Penso che la risposta, infatti, sia tutta qui: capire cosa si vuole.
Nella vita c’è bisogno di serenità, rispetto, fiducia e umiltà, l’umiltà dei piccoli gesti. Invece di rincorrere, di cercare l’amore, bisognerebbe tendere a realizzare, a portare nella propria vita o a tentare di avere con qualcun altro questo, invece di raggiungere questo stupido stereotipo che chiamano amore.. 
 però è anche vero che quando vuoi qualcuno hai come il cervello offuscato e non puoi essere razionale e forse è proprio a ciò che bisogna trovare una soluzione..

L'unica cosa che mi viene in mente è una frase di una canzone:

Io non so parlar d’amore, l’emozione non ha voce
A. Celentano

Nessun commento:

Posta un commento