martedì 31 luglio 2012

si può odiare chi si ama?

Ormai i social network sono entrati a pieno nelle nostre vite, sono diventati confidenti più che passatempi. Su  uno di questi (facebook) ho letto una frase di Shakespeare che recita:

Amami o odiami, entrambe sono a mio favore. Se mi ami sarò sempre nel tuo cuore, se mi odi sarò sempre nella tua mente.

Questa citazione fa riflettere perché può capitare che da un forte amore possa nascere un forte odio. I pareri, i sentimenti, la percezione di un'altra persona col tempo cambia e spesso in male. All'inizio tutto è bello, tutto è fiaba e tutto sembra che duri per sempre. La cosa più strana che ho notato però è che in amore non vince chi ama, chi è attento alle esigenze dell'altro, chi fa di tutto per dimostrare il suo affetto. In amore vince chi se ne infischia. Questo probabilmente perché le cose che sfuggono attirano o perché veder scivolare via dalla nostra vita una persona che amiamo non lo accettiamo. Forse prendiamo il distacco come un nostro fallimento e così ci sentiamo dei falliti. Può anche darsi che la cosa è talmente improvvisa che in un attimo fa crollare anche tutte le altre certezze. Fatto sta che una delusione d'amore, un comportamento che ci ferisce, porta dolore, che diventa rancore, che rimescolato con la più banale forma d'indifferenza diventa odio allo stato puro.
I ricordi diventano flashback martellanti nel cervello e la malinconia spazza via ogni altro stato d'animo, che tu sia da solo o in compagnia. 
La domanda che sorge spontanea quando qualcuno ti tratta con indifferenza o anche in maniera sgarbata, o quando qualcuno ti lascia è: perché? perché fa questo proprio a me che gli ho sempre dimostrato tanto?
Beh credetemi crogiolarvi non serve, è tanto semplice la risposta: non se ne frega più niente di voi! Basta riflettere. Solitamente se una persona è innamorata si vede e non si hanno dubbi in proposito, i dubbi vengono dalla percezione di qualcosa di diverso nel partner. Se una persona è innamorata tutti i suoi comportamenti sono finalizzati a far capire all'altro la cosa, volere e possedere l'altro, scalare le montagne pur di stare un secondo con l'amato. Per tutti quelli che dicono che le cose col tempo affievoliscono ma l'amore non passa, io rispondo: ho visto coppie amarsi e rispettarsi per tutta la vita, ho visto amori così forti che anche stando a km di distanza trovano sempre il modo di vedersi.. e poi ho visto coppie che abitano nella stessa città e non si vedono mai. L'amore non può passare, l'amore ti fa sentire speciale, ti fa sentire importante per qualcuno. Il pensare che sei nel cuore di una persona, lì al calduccio, è di per se una cosa meravigliosa.. come può affievolire?
Non affievolisce l'amore, semplicemente non era amore. Proprio questo fa venire rabbia, non era un vero sentimento. Il sentirsi un passatempo, sentirsi usati, ridicolizzati, umiliati, sedotti e presi in giro da chi ci ha promesso il mondo e alla fine ci ha tolto anche voglia di andare avanti, di alzarci dal letto. La rabbia è portata dall'aver dato il nostro cuore, cosa per noi preziosissima, a chi non sapeva che farsene!

1 commento:

  1. Sono d'accordo su quanto hai scritto. Ma io in questo momento mi domando: è possibile che fino a quando mi sentivo desiderato non vedevo nessun difetto, tutto mi sembrava bello di lei e della sua vita. Ora al contrario odio ogni suo comportamento, anche facente parte la quotidianità o che non mi riguardi per nulla.

    RispondiElimina